Heath Ledger,BIOGRAFIA..FOTO..FILM...VITA PRIVATA..NEWS.. TA..

« Older   Newer »
 
.
  1.  
    .
    Avatar

    Millennium Member

    Group
    Administrator
    Posts
    109,795
    Location
    Milano

    Status

    Heath Ledger,

    jpg
    (Photo by Carlo Allegri/Getty Images)

    biografia



    Ledger frequenta la Guildford Grammar School, dove dimostra discrete capacità sia nel campo sportivo (era nella squadra dei Kalamunda Field Hockey ed è sempre stato appassionato di altri sport) sia in quello recitativo, iniziando a lavorare in un piccolo teatro del luogo per poi passare alla Globe Shakespeare Company.

    L'amore per la recitazione lo spinge a sedici anni ad abbandonare la scuola e convince il migliore amico dell'epoca, Trevor, a spostarsi a Sydney con l'intenzione di intraprendere la carriera cinematografica. Dopo le difficoltà iniziali, comincia ad avere piccoli ruoli in diverse serie televisive, finché ottiene una parte di rilievo nel serial Sweat e successivamente nel telefilm Roar, per la prima volta in una produzione statunitense.

    La carriera nel cinema


    A vent'anni ottiene una parte da protagonista nel film hollywoodiano 10 cose che odio di te, una commedia romantica di stampo shakespeariano (liberamente ispirata a La bisbetica domata) accanto a Julia Stiles. Altra tappa importante è un ruolo di rilievo nell'acclamata produzione australiana Two Hands, nello stesso anno.

    La commedia USA gli porta una discreta fama, ma l'attore aspetta più di un anno per accettare un nuovo ruolo, nel tentativo di non fossilizzarsi su parti da eterno adolescente belloccio. In questo modo arriva per lui nel 2000 un'importante svolta: partecipa alle audizioni di un film di Mel Gibson, Il patriota, e riesce ad avere la meglio su oltre 200 giovani candidati, mettendo in luce il suo talento che poi sarà riconosciuto dal grande pubblico e gli farà vincere quell'anno lo Showest Award come Male Star of Tomorrow.

    Nel 2001 è il protagonista della produzione ad alto budget Il destino di un cavaliere, un originale film storico ambientato in un Medioevo anacronistico, con tanto di griffe Nike e colonna sonora rock, che gli offre visibilità in tutto il mondo.

    AP080122060132
    Heath Ledger in una scena del film “I segreti di Brokeback Mountain”
    (AP Photo/Focus Features, file)

    Gli anni seguenti non si dimostrano professionalmente facili: il suo nome rimane sconosciuto ai più, e Ledger partecipa ad una serie di film che si rivelano spesso dei flop commerciali, rifiutando invece una serie di parti che si sono poi rivelate molto redditizie per i suoi "sostituti". Dopo aver interpretato un piccolo ruolo nel film Monster's Ball, con Billy Bob Thornton e Halle Berry, nel 2002 ha partecipato al kolossal epico-storico di Shekhar Kapur Le quattro piume, con Kate Hudson, nei panni del protagonista della storia e nel 2003 al western Ned Kelly, con Naomi Watts.

    Nel 2003 il regista Brian Helgeland che lo aveva già diretto in Il destino di un cavaliere rivuole Ledger sul set per un altro progetto: stavolta un film a tinte più drammatiche e dark, La setta dei dannati, ed è una vera e propria rimpatriata professionale visto che vengono richiamati anche i precedenti coprotagonisti Shannyn Sossamon e Mark Addy. Da segnalare che La setta dei dannati è girato quasi interamente a Roma; non sarà l'unica volta in cui Ledger si trova a lavorare in terra italiana, visto che un paio di anni dopo girerà Casanova a Venezia.

    Intanto, la grande occasione per farsi veramente conoscere sembra arrivare con il kolossal Alexander di Oliver Stone, ma la parte viene invece assegnata a Colin Farrel.

    Nonostante questo, arriva alla fine il suo annus mirabilis, il 2005; esce con tre film, curiosamente tutti presentati al Festival di Venezia nel settembre di quell'anno (il che gli regala il record come attore più proiettato della manifestazione): I fratelli Grimm e l'incantevole strega di Terry Gilliam, accanto a Matt Damon e Monica Bellucci, Casanova di Lasse Hallstrom e infine proprio il film che ha vinto il Leone d'Oro, I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee, nel quale ha lavorato accanto all'altra giovane stella in ascesa e amico Jake Gyllenhaal ed alla futura compagna Michelle Williams, conosciuta proprio su questo set.

    L'ultima pellicola è quella per lui più importante, che gli ha portato fortuna sia nel privato sia nella vita professionale. La sua interpretazione di un "cowboy omofobico innamorato di un altro uomo" (come definisce lui stesso il personaggio in un'intervista) sorprende pubblico e critica e svetta anche sulle altre eccellenti prove del film; gli regalerà il premio della critica di New York e anche di San Francisco che lo eleggono "attore dell'anno" e moltissime nomination come miglior attore drammatico in tutto il mondo: viene candidato al Golden Globe, al BAFTA e al premio Oscar.

    Nel frattempo, sempre nel 2005, prende parte al film Lords of Dogtown che lo vede nel ruolo di Skip, un originale negoziante dedito ad alcool e sigarette, abile surfista e skateboarder e "nume tutelare" del giovane cast (tra cui anche Emile Hirsch). Ledger dichiara di essersi davvero divertito su questo set: si dà il caso infatti che anche nella realtà l'attore sia stato un vero appassionato di skateboard, mezzo che utilizzava abitualmente da tantissimo tempo.

    Il suo nome a questo punto è legato a film che il vasto pubblico internazionale conosce; tuttavia Ledger continua successivamente a cercare comunque i ruoli e le pellicole più disparate: recita nella piccola produzione australiana Paradiso + Inferno, in concorso al Festival di Berlino 2006, interpretando un ragazzo tossicodipendente che vive una tormentata storia di amore e sofferenza.

    Nel 2007, dopo una lunga pausa dal lavoro dovuta al desiderio di prendersi cura della figlia Matilda, partecipa ad Io non sono qui, film biografico su Bob Dylan, in cui dividerà la parte del musicista con altri famosi attori (tra cui Richard Gere e perfino l'attrice Cate Blanchett); accanto a lui nella pellicola c'è di nuovo la compagna Michelle Williams.

    Il film viene presentato alla 64esima Mostra di Arte Cinematografica di Venezia, ottenendo il Premio ex equo della giuria e la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile a Cate Blanchett, ritirata dallo stesso Ledger per conto della collega di set. Proprio in questo contesto, durante tutto il festival, Ledger fa le sue prime apparizioni pubbliche senza Michelle Williams, rimasta a New York (pur essendo anche lei nella pellicola), confermando implicitamente le voci a proposito della loro separazione.

    Durante il 2007 diventa anche ufficiale il suo inserimento ne Il Cavaliere Oscuro (sequel di Batman Begins) al fianco di Christian Bale, dove interpreta il Joker, personaggio già impersonato sul grande schermo nel 1989 da Jack Nicholson in Batman di Tim Burton. Raccogliere l'eredità è stato difficile ma il regista dei due film Christopher Nolan ha dichiarato di avere avuto piena fiducia nel giovane Ledger, attore "talentuoso e pronto alle sfide", e di averlo scelto proprio perché questo sarebbe stato il suo primo ruolo da cattivo. Nonostante ciò, la scelta del regista scatena le ire di Jack Nicholson, che in un'intervista su MTV ha ammesso la sua rabbia per non essere stato contattato come consulente, o addirittura per un suo possibile reinserimento nel cast proprio nei panni del Joker. Ad Hollywood in molti hanno criticato il suo atteggiamento prevenuto e scontroso e le sue accuse nei confronti del promettente Ledger.

    Alla fine del 2007 Heath Ledger conclude le riprese de Il Cavaliere Oscuro: cominciano ad uscire sempre più foto del suo Joker sui siti e sulle riviste specializzate, immagini che vengono accolte molto positivamente dai fan dell'uomo pipistrello e della sua nemesi. Viene attivata dalla Warner Bros. su Internet una divertente campagna di viral-marketing per pubblicizzare il film, tutta incentrata sul suo personaggio già "cult". Ai primi di Gennaio 2008, la rivista americana di cinema Empire (e in Italia Ciak) dedica al nuovo, crudele Joker di Ledger la copertina.
    La morte prematura

    jpg
    (Photo by Sean Gallup/Getty Images)


    Heath Ledger muore improvvisamente martedì 22 gennaio 2008, a soli 28 anni.

    Il suo corpo privo di vita è stato trovato dalla domestica nel suo appartamento di SoHo a New York da lui occupato nel primo pomeriggio. Pare infatti che alle 13 (ora locale) fosse ancora vivo e il decesso risalirebbe tra quest'ora e le 14.45.

    A pochi minuti dal primo annuncio delle agenzie stampa una folla di spettatori increduli e di telecamere circonda l'edificio, mentre ancora si aspetta o si confida in una smentita; ma una sequenza che ha fatto il giro del mondo conferma definitivamente la drammatica notizia, quando alla fine i paramedici trasportano il corpo coperto sull'autoambulanza immersi tra i flash dei giornalisti.

    Nelle ore e nei giorni seguenti il marciapiede davanti all'edificio viene riempito di fiori, biglietti e omaggi all'attore; nel frattempo si avviano le indagini per capire cosa abbia causato la morte di una persona così giovane, tanto più che non vengono trovate droghe nell'appartamento.

    Non ci sono nemmeno indizi che facciano pensare ad un suicidio, ma solo bottigliette di medicinali regolarmente prescritti. Viene effettuata un'autopsia per capire le cause della morte che però non riesce a dare risposte certe, rendendo necessario attendere i risultati di analisi più approfondite. Il 6 febbraio 2008 sono stati resi pubblici i risultati, e la polizia ha rilasciato la seguente dichiarazione:

    « Mr. Heath Ledger è morto per una intossicazione acuta provocata dagli effetti combinati di oxicodone, idrocodone, diazepam, temazepam, alprazolam e doxylamine »


    Viene così confermato (come ipotizzato fin dai primi giorni) che la morte è avvenuta per avvelenamento accidentale causato dagli effetti combinati dei sonniferi e degli ansiolitici che l'attore stava prendendo dietro normale prescrizione medica.

    Dopo due veglie funebri in America aperte solo agli amici più stretti e ai colleghi di Heath per l'ultimo saluto, una a New York e una a Los Angeles, il corpo viene riportato in Australia, il suo paese natale. Il 9 febbraio 2008 si sono svolti a Perth (Australia) i funerali dell'attore. Alla speciale cerimonia di commemorazione hanno partecipato circa 600 persone tra amici e parenti. Il funerale si è invece svolto in forma strettamente privata alla presenza di 10 persone tra familiari e amici; tra questi anche l'attrice e madre della sua bambina Michelle Williams che, durante la cerimonia, ha reso omaggio all'attore recitando il sonetto di Shakespeare "Shall I compare thee to a summer's day". Alla fine della cerimonia gli invitati si sono recati sulla spiaggia dove Ledger adorava praticare surf. Il corpo dell'attore è stato cremato nel cimitero di Fremantle e sepolto in quello di Karrakatta, vicino ai suoi nonni.

    Il 31 gennaio gli show televisivi Entertainment Tonight e The Insider hanno annunciato la messa in onda di un video vecchio di due anni in cui Ledger partecipa ad un droga party al "Chateau Marmont Hotel" - lo stesso albergo nel quale morì l'attore John Belushi nel 1982. In seguito ad una campagna dell'agenzia di Ledger, la ID-PR, rivolta all'intera Hollywood, le emittenti televisive hanno deciso di non mandare in onda il video "per rispetto alla famiglia di Heath Ledger". Nel video non si vede Ledger che fa uso di droghe ma si sente la sua voce ammettere di aver fumato marijuana in passato.

    Pochi giorni dopo l'improvvisa scomparsa di Heath Ledger, traumatica per il mondo di Hollywood, l'attore Daniel Day-Lewis vince il Screen Actors Guild Awards come Migliore Attore per il film Il petroliere e nel ritirarlo dedica il premio al giovane collega, da lui molto stimato, in un commosso discorso di tributo.

    Nel giugno 2008 Susie Doson, presidente di Australians in Film (AiF), associazione di cui Ledger era ambasciatore, annuncia l'istituzione di una borsa di studio a lui intitolata, destinata ai giovani talenti australiani che vogliono dedicarsi al mondo del cinema
    I film in uscita postuma


    Nel periodo della sua prematura scomparsa, Heath Ledger era impegnato sul set del film fantasy di Terry Gilliam The Imaginarium of Doctor Parnassus. In esso Heath aveva il ruolo del protagonista: un giovane di nome Tony appartenente ad una compagnia teatrale, deciso a viaggiare per mondi paralleli per salvare la sua amata da un patto col diavolo stipulato dal padre di lei, il dottor Parnassus del titolo.

    Prima del 22 gennaio 2008, secondo le dichiarazioni del regista stesso, erano già stati girati tutti gli esterni del film; dopo la morte di Heath la produzione ha subito una fase di arresto, per decidere se sospendere definitivamente il progetto o portarlo avanti in qualche modo. Ma Terry Gilliam non ha avuto dubbi fin da subito, dichiarando di voler finire a tutti i costi il film del suo pupillo (ricordiamo che Gilliam e Ledger avevano già lavorato precedentemente assieme ne I fratelli Grimm e l'incantevole strega), proprio per dedicarlo a Ledger e non sprecare il lavoro che il giovane aveva già svolto in esso. La prima proposta a farsi strada è stata quella di ricostruirlo in CGI, eventualità però veramente troppo complessa da portare avanti. Alla fine si è scelta un’altra opzione stravagante ma ben più fattibile; è ora confermato infatti che nelle scene mancanti il ruolo di Tony sarà interpretato da ben tre attori diversi, che in qualche modo renderanno così un corale tributo al giovane collega scomparso: si tratta di Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell, i quali si sono detti onorati del compito. Questo naturalmente richiederà qualche doverosa modifica di sceneggiatura, ma il ripetuto cambio d’aspetto dovrebbe essere giustificato da un incantesimo dovuto a uno specchio magico, in grado di mutare le sembianze del protagonista.

    L’uscita di The imaginarium of Doctor Parnassus rimane fissata, secondo le intenzioni del regista, per l’anno 2009.

    Invece a Gennaio 2008 le riprese de Il Cavaliere Oscuro (The Dark Knight) sono già terminate da un pezzo: pare anzi che Heath avesse già ridoppiato tutto il girato, proprio per avere il prima possibile la libertà di dedicarsi al suo nuovo progetto (Parnassus, appunto).

    Il film su Batman, la cui uscita è prevista per l’estate 2008, è ad inizio anno in campagna pubblicitaria già abbastanza avanzata; la cosa più singolare è che tutta l’attenzione riguardo questo film si stava concentrando su Heath Ledger ben prima della sua morte. Nella pellicola l’attore interpreta Joker, da sempre la nemesi di Batman e uno dei personaggi più amati e complessi del fumetto originale; e il regista e i compagni di set parlavano in toni entusiastici della sua interpretazione del clown psicopatico, per esempio Michael Caine disse in un'intervista che il modo di Heath di impersonare questo ruolo avrebbe sorpreso tutti gli spettatori[13], e gli appassionati attendevano questo giovane Joker ancora più del ritorno del Batman di Christian Bale. La promozione non è stata da meno, assecondando ampiamente questa inclinazione: nel trailer uscito nel Dicembre 2007 e in tutti gli altri canali pubblicitari utilizzati, il Joker-Ledger ruba completamente la scena al resto del cast; tutto questo, appunto, ben prima del 22 Gennaio.

    Una coincidenza abbastanza unica è quindi che Heath Ledger se ne sia andato proprio in un periodo in cui era già in atto un processo di mitizzazione di questo suo particolare personaggio, che in molti aspettavano con ansia di vedere sullo schermo; l’evento della sua precoce e imprevista morte non ha fatto che accrescere esponenzialmente il clamore attorno al ruolo del Joker, che il caso ha voluto fosse quello con cui si congeda dal mondo ma, allo stesso tempo, probabilmente anche l’apice interpretativo della sua carriera.

    Questi eventi tragici sono da sempre macabra pubblicità, e infatti i giornali di tutto il mondo hanno puntato molto i riflettori su Il Cavaliere Oscuro nei mesi seguenti alla morte della star del film; c’è anche chi ha tentato di affibbiare all’opera l’etichetta di “Film Maledetto”, ispirati in parte anche dal ruolo dark che Heath Ledger vi interpreta.

    Intanto la casa madre della pellicola, la Warner Bros, si è naturalmente ritrovata in una posizione difficilissima, proprio perché aveva basato gran parte della promozione del blockbuster sul personaggio di Joker . Continuare a sfruttare l’immagine di Heath poteva attirare l’accusa di strumentalizzare la sua scomparsa, ma cambiare brutalmente rotta e accantonare il personaggio dalla promozione avrebbe causato critiche ancora più feroci dal fandom, quasi un tradimento al lavoro dell’attore. La Warner ha dunque scelto una linea mediana, considerando comunque impossibile l'idea di trascurare il personaggio di Joker visto che nel film ha una presenza preponderante e centrale.

    Un altro dubbio di chi ha seguito la vicenda è che, essendo il personaggio molto crudo ed efferato, si poteva temere un alleggerimento dei toni proprio dovuto alla tragica fine dell’attore; ma Christopher Nolan, il regista de Il Cavaliere Oscuro, ha detto di essere fermamente intenzionato a completare il montaggio del film esattamente come sarebbe apparso se Heath fosse vivo, senza buonismi.

    Prima di iniziare la lavorazione del film Heath Ledger ha anche firmato un contratto per concedere lo sfruttamento della sua immagine per il merchandising e i prodotti derivati, cosa che sembra lo entusiasmasse: non avendo mai girato blockbuster di questo tipo nel corso della sua carriera era la prima volta che gli capitava una cosa del genere.

    Le aziende che si occupavano di questi prodotti ne hanno poi ovviamente frenato la produzione, ritenendo che non fosse più il caso di metterli sul mercato per rispetto della famiglia di Heath. Ma è stata proprio questa a dare inaspettatamente il via libera. La motivazione data è la stessa di Christopher Nolan: Heath aveva messo tutto se stesso in questo film, aveva amato l’idea di dare vita a questa maschera affermando a più riprese che era uno dei ruoli più divertenti della sua carriera; per tutti quelli che lo conoscevano cambiare rotta nel trattare il suo personaggio sarebbe stato più un torto che un segno di rispetto nei suoi confronti.

    Su queste basi a Maggio 2008 viene messo in commercio in USA il primo modellino giocattolo del Joker-Ledger. Il pezzo va esaurito nel giro di poche ore, e in certi casi rimesso in vendita su Ebay ad un prezzo cinque volte più alto dell’originale.
    Vita privata


    Sotto l'aspetto delle relazioni sentimentali, Ledger ha dimostrato una preferenza per donne di età maggiore rispetto alla sua: in particolare ha avuto liason con colleghe famose come Heather Graham e Naomi Watts. Il rapporto di due anni con quest'ultima, britannica (ma australiana d'adozione) e conosciuta sul set di Ned Kelly, sembrava molto serio e già si parlava di matrimonio, e si dice che sia stata la Watts stessa a convincerlo ad accettare il ruolo nel film I segreti di Brokeback Mountain.

    Sul set di questa pellicola l'attore ha incontrato però la coetanea Michelle Williams, l'attrice che nel film interpreta proprio la moglie del suo cowboy, e tra i due nasce una storia che prosegue ben oltre le riprese del film.

    Michelle e Ledger hanno avuto il 28 ottobre 2005 una bambina, Matilda Rose, il cui padrino di battesimo è stato Jake Gyllenhaal. Il nome scelto per la figlia, Matilda, ha a che fare con le radici di Heath: esiste in Australia ed è molto conosciuta una canzone folk dal titolo Waltzing Matilda, scritta nel 19° secolo.

    Heath e Michelle hanno convissuto per circa tre anni; hanno annunciato poi nell'ottobre 2007, al termine di una lunga crisi, la fine della loro storia.

    Da settembre 2007 fino al gennaio 2008, sono stati attribuiti ad Heath solo brevi flirt: con la modella Helena Christensen, con l'attrice Lindsay Lohan; l'ultima compagna prima della sua scomparsa è stata la modella australiana Gemma Ward, con cui si vedeva da non molto tempo. Quest'ultima poi parteciperà al funerale, così come Naomi Watts e Michelle Williams

    Vita pubblica e casting


    Ha sempre avuto un rapporto turbolento con i giornalisti; in diverse occasioni cercò di tenerli lontani, per esempio lanciando uova ai paparazzi appostati davanti a casa. Con molti giornalisti ha litigato animosamente tanto da attirare il loro risentimento, come quando ad una prima in Australia alcuni di loro hanno preso di mira Ledger e la compagna Michelle Williams sul tappeto rosso con delle pistole ad acqua.
    Tra i ruoli per cui si era fatto in passato il suo nome, i più famosi sono quello di Peter Parker in Spider-Man (andato poi a Tobey Maguire) e quello del giovane Anakin Skywalker (interpretato alla fine da Hayden Christensen). Pare che abbia rifiutato poi una parte nel nuovo film di Baz Luhrmann Australia, di prossima uscita, che l'avrebbe visto al fianco di Nicole Kidman; in passato aveva anche partecipato alle audizioni di Moulin Rouge! dello stesso regista, sempre con la Kidman, ma la parte era andata a Ewan McGregor.
    La realizzazione del film I segreti di Brokeback Mountain è stata, come ormai noto, molto travagliata: per anni si faticò a trovare sia un regista, sia un cast, in particolare due attori disposti a confrontarsi con un ruolo così "rischioso". Molti nomi della gioventù di Hollywood hanno rifiutato immediatamente, tranne Joaquin Phoenix, che aveva quasi accettato il ruolo di Ennis Del Mar, per poi declinarlo. Heath Ledger, che impersonerà questo personaggio, come spesso accade pare fosse stato dapprima contattato con l'idea di fargli interpretare Jack Twist, il cowboy più estroverso e "positivo" dei due (ruolo che poi andrà a Jake Gyllenhaal), ma Ledger, innamorandosi della sceneggiatura, propenderà poi subito per la parte che gli ha portato fortuna, trovandola più adatta alla propria crescita artistica.
    Nonostante le radici artistiche completamente "agli antipodi", Jake Gyllenhaal (suo partner in I segreti di Brokeback Mountain e talentuoso figlio d'arte) ha dichiarato che recitare in un film così difficile ha legato molto i due attori, e di considerare ormai Ledger alla stregua del suo migliore amico. Non a caso, è confermata la notizia che quest'ultimo abbia voluto Jake come padrino di sua figlia Matilda Rose, nata nell'ottobre 2005.
    Nelle settimane successive alla morte di Ledger, Jake Gyllenhaal si è chiuso nel più stretto riserbo, non rilasciando dichiarazioni; persone a lui vicine dichiarano che la scomparsa dell'amico è stata un fortissimo shock per lui, difficile da affrontare.

    Da sempre affascinato dal mestiere del regista, Heath Ledger si era cimentato nella direzione di alcuni video musicali, tra cui quello per la canzone Morning Yearning di Ben Harper, e uno per Black Eyed Dog di Nick Drake, un artista britannico scomparso negli anni settanta che Ledger amava molto e a cui aveva voluto rendere tributo con questa pellicola, in cui recitava in prima persona. Alla 64a Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia aveva dichiarato che un giorno gli sarebbe piaciuto dirigere un film biografico sul personaggio di Nick Drake, ma nel frattempo pare che Ledger fosse quasi prossimo a passare dietro la macchina da presa con un altro progetto, l'adattamento del romanzo La regina degli scacchi di Walter Tevis.
    Molti giornalisti e non hanno trovato singolari somiglianze tra la scomparsa di Ledger e quella del suo cantautore preferito Nick Drake: anche quest'ultimo infatti fu trovato morto, nel 1974, a causa di una dose eccessiva di farmaci, in questo caso antidepressivi; similmente non furono trovati biglietti che lasciassero pensare ad un suicidio, anche se per molti questa rimane a tutt'oggi l'ipotesi più probabile. Aveva 26 anni.
    Ledger ha passato l'ultima parte della sua vita non in Australia (aveva venduto la casa che possedeva a Bronte, Nuovo Galles del Sud, per il valore di 7,5 milioni di dollari) ma a New York, più precisamente a Manhattan.


    filmografia


    Clowning Around (1992)
    Sweat, serie TV (1996)
    Blackrock (1997)
    Roar, serie TV (1997)
    Un computer a 4 zampe (Paws) (1997)
    Home and Away, serie TV (1998)
    10 cose che odio di te (10 Things I Hate About You) (1999)
    Two Hands (1999)
    Il patriota (The Patriot) (2000)
    Il destino di un cavaliere (A Knight's Tale) (2001)
    Monster's Ball (2001)
    Le quattro piume (The Four Feathers) (2002)
    Ned Kelly (2003)
    La setta dei dannati (The Order) (2003)
    Lords of Dogtown (2005)
    I fratelli Grimm e l'incantevole strega (The Brothers Grimm) (2005)
    I segreti di Brokeback Mountain (Brokeback Mountain) (2005)
    Casanova (2005)
    Paradiso + Inferno (Candy) (2006)
    Io non sono qui (I'm Not There) (2007)
    Il Cavaliere Oscuro (The Dark Knight) (2008)
    The Imaginarium of Doctor Parnassus (post-produzione)

    Doppiatori Italiani


    Heath Ledger aveva una voce molto particolare, dal timbro profondo e baritonale.

    In Italia invece questo attore non ha mai avuto un doppiatore fisso, così noi lo sentiamo parlare con voci molto differenti tra loro:

    Doppiato da Massimo De Ambrosis in: Roar e Lords of Dogtown
    Doppiato da Riccardo Rossi in: 10 cose che odio di te e Casanova
    Doppiato da Vittorio de Angelis in: Il destino di un cavaliere e Il patriota
    Doppiato da Fabio Boccanera in: Monster's Ball e nei trailer de Il Cavaliere Oscuro
    Doppiato da Francesco Prando in: La setta dei dannati
    Doppiato da Gianluca Iacono in: Ned Kelly
    Doppiato da Francesco Bulckaen in: Le quattro piume
    Doppiato da Alessandro Quarta in: I fratelli Grimm e l'incantevole strega
    Doppiato da Alessio Cigliano in: I segreti di Brokeback Mountain
    Doppiato da Adriano Giannini in: Paradiso + Inferno, Io non sono qui e Il Cavaliere Oscuro


    Edited by gheagabry - 22/1/2013, 18:31


    Gli amici sono l'ingrediente fondamentale della felicità.....
    Il mio amico virtuale è diverso....
    egli non guarda nei miei occhi, egli vede il mio cuore!
    .....forse tu non sai ma quando mi parli,
    quando giochi con me.... quando mi ascolti, quando mi vuoi bene
    eserciti il nobile compito di un amico reale........

     
    Top
    .
  2.  
    .
    Avatar

    Senior Member

    Group
    Administrator
    Posts
    28,826

    Status

    Heath Ledger, cinque anni dopo

    Cinque anni fa moriva Heath Ledger, attore e regista australiano nato a Perth nel 1979 e morto a New York il 22 gennaio nel 2008, a 28 anni, per un avvelenamento causato dagli effetti combinati di alcuni farmaci che l’attore stava prendendo dietro prescrizione medica. Ledger era considerato uno degli attori più promettenti della sua generazione.

    AP080122034889
    Heath Ledger in una scena del film “Il destino di un cavaliere”
    (AP Photo/Columbia Pictures, Egon Endrenyi)


    jpg
    Ron Howard e Heath Ledger nel 2006 a New York
    (Photo by Bryan Bedder/Getty Images)

    jpg
    Heath Ledger nel 2000 a Los Angeles
    (Kevin Winter/Getty Images)


    jpg
    Heath Ledger e Naomi Watts alla prima del film “Le quattro piume” nel 2002
    (Photo by Kevin Winter/ImageDirect.)


    jpg
    Heath Ledger alla cerimonia di chiusura del Festival del Cinema di Venezia nel 2007
    (Photo by Chris Jackson/Getty Images)



    jpg
    Heath Ledger e Jake Gyllenhaal alla presentazione del film “I segreti di Brokeback Mountain” a Venezia nel 2005
    (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)


    jpg
    Heath Ledger al Festival del Cinema di Venezia nel 2007
    (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)


    AP00021414177
    Heath Ledger in una scena del film “Il cavaliere oscuro”
    (AP Photo/Warner Bros. Pictures, Stephen Vaughan, file)

    AP050819019022
    Heath Ledger e Matt Damon in una scena del film “I fratelli Grimm e l’incantevole strega”
    (AP Photo/Dimension Films)


    AP060306013412
    Heath Ledger e Michelle Williams alla cerimonia degli Oscar nel 2006
    (AP Photo/Chris Pizzello)



    Nel 2007 interpretò Joker, personaggio che già fu di Jack Nicholson nel 1989 in Batman di Tim Burton, in The Dark Knight - Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan, che uscì nelle sale dopo la sua morte e gli valse l’Oscar postumo al miglior attore non protagonista nel 2009. Prima di morire Ledger stava girando il film di Terry Gilliam Parnassus, che non riuscì a portare a termine.

    ilpost.it

    Edited by gheagabry - 22/1/2013, 18:42

    Ogni giorno è un foglio bianco
    su cui scrivere note di musica, note provenienti dal profondo dell'anima.
    Un foglio su cui soffiare, un sorriso per donargli vita.

    Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima.. l'anima di chi l'ha scritto e di coloro che l'hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza.
    ( Carlos Ruiz Zafón )

     
    Top
    .
1 replies since 2/10/2010, 16:22
 
.
Top
Top